Past Events

  • European Biotech Week 2019

    Date: 23/09/2019
    Napoli, 23 Settembre 2019 Ospedale Cardarelli - Aula Mediterraneo

    In occasione dell'European Biotech Week 2019, lunedì 23 Settembre 2019, dalle ore 14:30 alle 17:30, presso l'Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli di Napoli, aula Mediterraneo, si terrà il convegno "L'Empowerment e l'educazione dei pazienti nella transizione verso le terapie avanzate".

    Di seguito il programma: Ore 14:30 - Registrazione Ospiti Ore 15:00 - Saluti e introduzione, a cura di Ilaria Ciancaleoni Baroli, Direttore Osservatorio Terapie Avanzate e Osservatorio Malattie Rare Ore 15:10 - Saluto di benvenuto a cura di bluebird bio, a cura di Gabriella Pasciullo, Direttore Medico bluebird bio Ore 15:20 - Talassemia, il cambiamento dei pazienti dagli anni '70 ad oggi grazie a ricerca, empowerment, educazione e sensibilizzazione - a cura di Angela Iacono, Presidente Fondazione "Leonardo Giambrone" per la Guarigione dalla Thalassemia Ore 15:40 - L'alleanza medico-paziente per l'ottimale gestione della talassemia trasfuzione-dipendente - a cura di Aldo Filosa, Direttore U.O.S.D. Malattie Rare del Globulo Rosso, Ospedale Cardarelli Ore 16:00 - Le migliori pratiche e l'impegno personale nella adrenoleucodistrofia: imparare per conoscere, condividere per assistere - a cura di Valentina Fasano, Presidente Associazione Italiana Adrenoleucodistrofia ONLUS Ore 16:20 - L'adrenoleucodistrofia: problemi, sfide e promesse per un modello di medicina personalizzata - a cura di Marina Melone, UOC Neurologia 2 e Centro Malattie Rare, Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Avanzate, Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli Ore 16:40 - La diagnosi precoce, il primo passo per il successo terapeutico. Prospettive di screening neonatale - a cura di Manuela Vaccarotto, Vice presidente Associazione Italiana Sostegno Malattie Metaboliche Ereditarie Aps, Giancarlo La Marca, Responsabile U.O.S. Diagnostica Malattie del Sistema Nervoso e del Metabolismo, Screening Neonatale, Biochimica e Farmacologia, Azienda Universitaria Meyer Ore 17:15 - Domande e Risposte Ore 17:30 - Chiusura dei lavori

    Ti aspettiamo a Napoli il 23 Settembre presso l'Aula Mediterraneo dell'Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli alle ore 14:30!

    Clicca qui per scaricare la locandina!



  • XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza

    Date: 16/05/2019
    Aula Mario Gioffredo, Palazzo Gravina – Via Monteoliveto 3, Napoli

    Percorrendo le tre sessioni del convegno, Ambiente naturale, Ambiente urbano e Sviluppo sostenibile e imprenditoria femminile, proveremo a dare un quadro dell'assetto e delle criticità dell'ambiente naturale e urbanistico dell'area metropolitana napoletana, allo scopo di individuare pratiche di riqualificazione ambientale che vadano incontro a una visione diversa, femminile di sviluppo sostenibile. Con la discussione finale, attraverso un confronto fra istituzione, ordini professionali, associazioni e partecipanti, intendiamo tracciare possibili percorsi che coniughino la cura e la fruizione dell'ambiente con l'inclusione sociale.

    Ti aspettiamo a Napoli il 16 maggio presso l'Aula Mario Gioffredo, Palazzo Gravina in via Monteoliveto 3 alle ore 9:00!

    Clicca qui per scaricare la locandina!



  • UniStem Day

    Date: 15/03/2019

    L’UniStem Day è un evento di promozione dello studio ed educazione alla cultura scientifica rivolto agli studenti delle scuole superiori tra i 16 e i 19 anni, con lo scopo di promuovere una visione matura e consapevole dell’importanza della conoscenza e dell’innovazione.

    Sono circa 20.000 gli studenti che, in Italia, complessivamente riusciamo a coinvolgere in un giorno solo, sparsi in più di 50 università italiane, che nello stesso giorno accolgono gli studenti della regione.

    L’evento, partito nel 2008 dal Centro Unistem dell’Università di Milano, si è ampliato negli anni fino ad estendersi in varie università e centri di ricerca europei, e per la prima volta in questa edizione, anche in Colombia, Australia e Singapore.

    IL CIRN supporterà ben due eventi quest'anno, che si terranno presso:

    • Aula Carlo Ciliberto del Complesso di Monte S.Angelo (Università di Napoli Federico II), Via Cinthia 26, Napoli

    • Complesso di Santa Patrizia, Università della Campania Vanvitelli, Via Luciano Armanni, Napoli

    Buona partecipazione ed a presto!

    Locandina Federico II

    Locandina Università della Campania Vanvitelli



  • Cibo e cervello: un viaggio fra alimenti, mente ed emozioni

    Date: 13/03/2019
    Institut Français Napoli, Via Francesco Crispi 86, 80121 Napoli NA

    A cura di Marina Melone (marina.melone@unicampania.it)

    Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Avanzate & Centro Interuniversitario di Ricerca in Neuroscienze (CIRN), Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli

    Nutrirsi è un atto appreso e di natura cognitiva, ed è sempre influenzato dalle idee, dalla religione e dalla tradizione famigliare di un individuo, come è testimoniato dalla secolare storia di connessioni tra popoli e culture differenti della cucina del Mediterraneo.

    Gli stimoli olfattivi e gustativi possono generare memorie associative che durano nel tempo: odori e sapori evocano immagini di eventi, persone e luoghi conservate nella memoria.

    Di che materia sono intessuti i nostri ricordi? Questa è la domanda che ossessionava Marcel Proust nella penombra solitaria di una stanza parigina, nella quale fabbricò il talismano contro l’oblio: una madeleine in una tazza di tè! Lo scrittore, prima di qualunque evidenza scientifica, intuì che la memoria non è un deposito di informazioni inerti, ma un processo incessante in cui i ricordi risentono di una modalità di rielaborazione molto individuale.

    Ma è solo nel 2002 che Rachel Herz, una neuropsicologa della Brown University, dimostra che il gusto e l'olfatto -rilevanti sia nella formazione dei ricordi che nella loro evocazione- sono in collegamento diretto con l'ippocampo, struttura fondamentale per la memorizzazione. Inoltre, in ogni individuo, la percezione dei 5 sapori fondamentali (aspro, salato, dolce, amaro, umami) è legata anche a fattori genetici.

    Pertanto, la percezione del gusto è un processo complicato, “biologicamente determinato” che coinvolge non solo i cinque sensi, ma anche memoria, emozioni e ricordi.

    E, soprattutto, il piacere del palato diventa strumento di conoscenza: un percorso di approfondimento tra gusto e disgusto, sapore e assenza di sapore, per capire il percorso sensoriale del cibo, la nostra relazione con gli alimenti.

    Ti aspettiamo mercoledì 13 marzo presso l'Institut Français di Napoli alle ore 9:30!